skip to Main Content

Sampdoria, Segovia: l’idolo Rincon e le difficoltà a Genova. Le parole

di Valerio Barberi
Telasco-Segovia-sampdoria

Ha parlato Telasco Segovia, della Sampdoria e del suo idolo Rincon. Ma non solo ecco cosa ha detto il giovane venuezelano.

Telasco Segovia, calciatore della Sampdoria Primavera, ha parlato della squadra blucerchiata e di Tomas Rincon. Ma c’è spazio anche per il passato e per la depressione da ragazzo. Ecco cosa ha detto al sito di Gianluca Di Marzio.

La mia è una famiglia che ama il calcio. Mio padre e mio nonno mi hanno trasmesso questa passione: ho il calcio che mi scorre nelle vene. Adesso le loro speranze sono riposte in me. Ho iniziato a 3 anni all’Escuelita Máximo Viloria. Sono rimasto lì fino a 11 anni, poi sono passato al Deportivo Lara.

Poi il racconto sulla depressione vissuta da giovanissimo, quando non giocava e sembrava prossimo ad abbandonare il sogno di diventare calciatore professionista.

Nel 2019 ero caduto in una specie di depressione. Avevo 16 anni e non giocavo nel Deportivo Lara. Pensavo di smettere, lo dicevo a mia madre. Lei però mi diceva di aspettare, che sarebbe arrivata la mia occasione.

Samporia, le parole di Telasco Segovia

Sampdoria, Segovia: l’idolo Rincon e le difficoltà a Genova. Le parole

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria, l’obiettivo numero uno di Baldini per l’attacco

Poi le offerte dall’Europa, dopo il torneo di Tolone. L’occasione giusta per mettersi in luce.

La prima offerta è arrivata dal Portogallo, avevo accettato. Poi però mi dissero che c’era anche la Sampdoria, non ci ho pensato due volte volevo venire a giocare in Italia. Ma ho dovuto aspettare, ci è voluto un mese, perché dovevo aspettare anche i documenti. Al momento della firma ero molto felice, si realizzava il sogno di giocare in Europa.

La conclusione invece è tutta per la Sampdoria e Tomas Rincon.

I primi mesi a Genova sono stati duri. Dovevo adattarmi soprattutto fisicamente, ma ora posso diventare un giocatore importante. Con Stankovic non ho parlato molto perché in quei giorni mi allenavo più con la Primavera. Voglio aiutare la Samp a risalire la classifica.

Rincon? Da bambino guardavo le sue partite, è sempre stato il mio idolo. Giocare nella stessa squadra è un sogno, non me lo sarei mai immaginato. Mi ha aiutato tanto al momento del mio arrivo in Italia, mi ha invitato a cena, abbiamo parlato: per me è come un papà.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!