skip to Main Content

Sampdoria, almeno noi restiamo uniti. Uniti fino alla cessione…

di Giuseppe Viscardi
Cessione Sampdoria

Campionato finito, salvezza conquistata e advisor trovato. Ora bisogna solo sperare in un’mmediata cessione per la nostra Sampdoria. Ma non bisogna ancora dividersi, almeno per ora…

E vabbè, il campionato è finito. Ce ne facciamo una ragione, anche perché stavolta ci sorprenderà ancora tutti in infradito a Ferragosto, che sarebbe poca cosa da quando il giorno del mio compleanno (otto dello stesso mese) ebbi – e son quasi quarant’anni – la sorte di vedermi nevicare intorno (ma ero a circa 3.000 metri).

Tra i passatempi più ricercati – tornato in Liguria, sua patria elettiva, lo scudetto della pallanuoto, e ancora da decidere quello del basket, mio secondo amore sportivo, con le Scarpette Rosse che cercheranno di sfrattare dal trono (speriamo) le Vu Nere – direi sicuramente i consigli di amministrazione, specie quelli in blucerchiato, colore più che mai di moda nella Genova calcistica. Per essere esatti, in ogni angolo della città.

Le novità autentiche, se andiamo a vedere, sono due, e non secondarie. La prima: il Cagliari – il Cagliari, terzultima nella stagione appena conclusa – dovrà verosimilmente rassegnarsi al mancato ripescaggio, perché gli adempimenti di inizio stagione sembrerebbero andati a buon fine. La seconda: Banca Lazard è l’advisor ufficialmente incaricato a trattare il passaggio di mano della società.

E qui potremmo andare avanti a non finire: perché Lazard e non il Banco Popolare di Costa Pianelle. Perché uno qualsiasi dei due precedenti quando Percassi (quello della coppia di terzini “Percassi – Divina”, per chi ha ancora intere collezioni di album Panini) ha ceduto in silenzio, senza advisor e per cifre ben superiori alla somma del quadrato dell’ipotenusa con la base maggiore; perché Vidal e non Spuma di Sciampagna. E via cazzeggiando.

Cessione Sampdoria, incrociamo le dita e non dividiamoci inutilmente

Sampdoria Gianluca Vidal

Sampdoria, almeno noi restiamo uniti. Uniti fino alla cessione…

LEGGI ANCHE Voglia d’America, di Vialli, di tutto quello che non sia più Ferrero e nemmeno Vidal

LEGGI ANCHE Calciomercato Monza, assalto di Galliani a Candreva. I dettagli

Qui, in attesa di qualcosa di più sostanzioso e che non riguardi le vacanze dei calciatori, ci preme dire due cose, di nuovo due, e di nuovo non secondarie. La prima: nessuno di noi vuole assistere nella prossima stagione allo scempio tecnico visto per gran parte di quest’ultima. Perché anche questo salmo è finito in “Gloria”, ma insomma anche no. E se sacrifici dovranno essere fatti – allo stato, realisticamente, potrebbe essere così – si spera ci possa essere lo spazio per vedere all’opera ragazzi motivati (la Primavera viene da due stagioni da incorniciare) e, forse, non meno pronti di quanto lo fossero Torreira, Schick e Linetty nell’estate 2016, la più inquietante ed imperscrutabile dell’ultimo decennio, sul piano tecnico.

La seconda: basta basta basta dividerci. Basta soffiare sul fuoco delle divisioni. Basta pensare, chiunque per la sua parte, non tanto di avere ragione (ci mancherebbe), ma quanto che “quell’altro ha torto”. O “chissà cosa c’è dietro”, e “quali interessi avrà”. Sembra che oggi sia vietato avere opinioni diverse, pena l’essere considerati infiltrati, spie del KGB, hacker di Anonymous o del Monza. Eppure altri ambienti ci avrebbero – ci hanno – ben illustrato l’argomento “a contrariis”, nel quale eccellono, vedendoli concordi solo sull’odio verso “non ve lo dico”.

Volevo essere diverso. Lo sono stato. Ci tengo ad esserlo anche nel presente e nel futuro…



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it