skip to Main Content

Nazionale, Bonucci ricorda Vialli: Wembley la gioia più grande

di Matteo Palmisano
Vialli Sampdoria Gravina Nazionale

Gianluca Vialli e la Nazionale: un legame reso ancora più forte dalla vittoria di Wembley, definita da Bonucci la gioia più grande

La Figc ha organizzato una messa in suffragio nella chiesa di Santa Teresa del Gesù Bambino a Roma per Gianluca Vialli. La scomparsa prematura di Luca ha sconvolto il mondo dello sport e non solo e il massimo organo federale ha voluto ricordarlo a sei giorni dalla tragica scomparsa del 6 gennaio scorso.

Presenti il presidente Gabriele Gravina, il presidente del Coni Giovanni Malagò, gli amici Marco Tardelli, Lele Oriali, Riccardo Ferri e Marcello Lippi. E poi ancora Daniele De Rossi e, in rappresentanza della Nazionale, anche Ciro Immobile, Alessandro Florenzi e il capitano Leonardo Bonucci. Non poteva mancare, inoltre, suo fratello Roberto Mancini.

Nazionale, il ricordo di Vialli

Nazionale, Bonucci ricorda Vialli: Wembley la gioia più grande

LEGGI ANCHE Nazionale, un campo per Gianluca Vialli: l’idea di Giovanni Malagò

In tanti, all’uscita, hanno rilasciato qualche parola per ricordare Luca. Come il suo ex allenatore Lippi:

Di Gianluca porterò tante cose nel cuore, quello che resta oggi è la sua capacità di farsi voler bene e stimare da tutti. Era un leader, dentro e fuori dal campo.

Anche Ferri, compagno in Nazionale e rivale con le squadre di club, ha messo l’accento sul carattere di Luca:

È stato un grande attaccante, di quelli che se li dovevi marcare ti levano il sonno alla vigilia. E soprattutto aveva grande carisma e personalità.

Non ha parlato Mancini, che, come si legge su Tuttosport, ha salutato il fratello di una vita fissando per qualche minuto la gigantografia all’interno della Chiesa. Mentre Bonucci, che nel corso della cerimonia ha letto una lettera a nome della squadra, ha ricordato la finale di Wembley:

Penso che il ricordo più bello sia quello di Wembley. Gianluca è tutto in quell’abbraccio con il mister, lì c’era l’essenza di quel che era. E’ stato un esempio di vita, oggi non ci ricordiamo quello che ha fatto da campione perché quello che ha fatto da uomo è stato ancora più grande. Gianluca è stato davvero un esempio per tutti, in campo e fuori.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!