skip to Main Content

La Cremonese si compra lo stadio dell’esordio di Vialli. I dettagli

di Matteo Palmisano

La Cremonese si regala lo stadio per la Serie A: la società lombarda diventerà proprietaria del Giovanni Zini, l’impianto dell’esordio di Gianluca Vialli

Mentre Inter Milan sono alle prese con la burocrazia e i problemi per il nuovo stadio di proprietà, c’è un’altra società lombarda che ha fatto un passo in avanti. La Cremonese, neopromossa in Serie A, diventerà proprietaria dell’impianto di gioco.

Lo stadi Zini di Cremona, dunque, sarà ufficialmente della Cremonese, stando a quanto riportato dal Corriere della Sera. I grigiorossi, finora, ci hanno giocato grazie al diritto di superficie, stipulato fino al lontanissimo 2118. Ora, però, è arrivato il momento per fare un passo avanti, in concomitanza con il ritorno nella massima serie italiana.

La Cremonese si compra lo stadio dell’esordio di Gianluca Vialli

La Cremonese si compra lo stadio dell’esordio di Vialli. I dettagli

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria, niente Amburgo per De Luca. Il motivo

LEGGI ANCHE Calciomercato Juventus, colpo Bremer: oggi la firma. Ed ora Morata e Paredes…

Il comune di Cremona, come si legge su Calcio Finanza, pubblicherà un bando per raccogliere le manifestazioni di interesse per l’acquisto. La Cremonese, che quest’estate ha promosso i lavori per l’ammodernamento per una cifra vicina ai 5 milioni, è dunque in prima fila per l’acquisto.

L’ultima, in ordine di tempo, a farsi lo stadio di proprietà in Serie A è stata l’Atalanta, che gioca nel moderno Gewiss Stadium. Di proprietà sono anche la Dacia Arena (Udinese), il Mapei Stadium (Sassuolo) e lo Juventus Stadium. A breve anche il Giovanni Zini, lo stadio, dove, il 27 settembre del 1981 esordì Gianluca Vialli contro la Sambenedettese, diventerà di proprietà.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it