skip to Main Content

Addio Vialli, farmaci nel calcio: Sabatini d’accordo con Dino Baggio

di Francesco Tonelli

Addio Gianluca Vialli, Walter Sabatini si allinea alle parole di Dino Baggio: l’ex ds della Sampdoria ritorna sulla questione farmaci

Le tante, troppe malattie sviluppate da atleti e calciatori che si sono susseguite recentemente, alcune addirittura causa di morti premature, per alcuni non sono un caso. Era stato l’ex calciatore Dino Baggio a scoperchiare per primo il Vaso di Pandora, ponendo l’attenzione su farmaci e medicinali che venivano somministrati ai calciatori anni e anni fa.

Sulla questione era poi intervenuto anche Roberto Mancini, parlando ad esempio dell’amico fraterno Gianluca Vialli, smorzando tuttavia un po’ le accuse. Ma altri sono allineati al pensiero di Dino Baggio. Come ad esempio Walter Sabatini, ex direttore sportivo della Sampdoria ma anche ex calciatore. In un’intervista a La Stampa, parte proprio dalla sua esperienza per descrivere quanto succedeva anni addietro:

Se mi sentivo giù, andavo dal massaggiatore e gli dicevo: ‘Dai, fammi un Neocromaton (un farmaco per l’anemia, ndr)’. Era normale. Non era doping, almeno non un doping prestazionale. Non ho mai visto un calciatore assumere dei prodotti per aumentare il rendimento. Si cercava, quello sì, di migliorare la condizione, con prodotti che in quel momento erano legali, presi in grande quantità. Oltre al Neocromaton ho frequentato il Micoren (antiasma, ndr). Prodotti corroboranti, non certo sostanze come l’Epo. Condivido la preoccupazione di Dino Baggio e la rispetto. Le dosi eccessive possono aver portato a qualche problematica importante negli anni successivi. C’è stata una lunghissima moria di giocatori, per cui i sospetti sono consistenti e anche giustificabili

Addio Vialli, Walter Sabatini: “Dino Baggio? Sospetti giustificabili. Lunghissima moria di giocatori”

Addio Vialli, farmaci nel calcio: Sabatini d’accordo con Dino Baggio

LEGGI ANCHE Sampdoria-Inter Primavera, Tufano vince coi ragazzi di Stankovic

L’uso di farmaci, dunque, era normale e frequente negli spogliatoi calcistici ai tempi in cui Sabatini giocava, pur restando nell’ambito di medicinali allora legali. Anche se l’ex ds della Sampdoria precisa che erano presi in grandi quantità e forse anche all’infuori del loro uso più indicato.

Per questo giustifica i sospetti di Dino Baggio e degli altri come lui, vista la grande moria di calciatori e atleti in questi ultimi tempi.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!