skip to Main Content

Calciomercato Sampdoria, Ferrero deve ancora pagare per Schick

di Matteo Palmisano
Euro2020 Shick Repubblica Ceca

La Sampdoria dovrà versare due milioni allo Sparta Praga per Patrick Schick, acquistato nel calciomercato del 2016 e poi rivenduto alla Roma

La clausola “sell on fee” ha generato un’uscita nel bilancio della Sampdoria. Si tratta, infatti, di quel meccanismo sempre più usato nei trasferimenti dei calciatori, che consente alla società che cede un giocatore di avere una percentuale sulla futura rivendita. I blucerchiati sono alle prese con il caso riguardante Patrick Schick.

Per il ceco la società di Massimo Ferrero era in debito verso lo Sparta Praga di circa 3,2 milioni. Al momento dell’acquisto i cechi avevano stabilito una percentuale sulla futura rivendita da parte della Sampdoria. Rivendita che si è poi concretizzata dopo una sola stagione con i blucerchiati che hanno incassato un totale di 42 milioni dalla Roma.

Calciomercato Sampdoria, Ferrero paga lo Sparta Praga per Schick

Calciomercato Sampdoria, Ferrero deve ancora pagare per Schick

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria, la cessione di Caprari non è più un affare

Il presidente blucerchiato, però, ha sempre preso tempo contestando la validità della clausola in essere e non aveva ancora versato i soldi pattuiti. Nelle ultime settimane, come riporta il Secolo, Sampdoria e Sparta hanno condotto una mediazione che porterà i blucerchiati a versare 2,1 milioni suddivisi in tre rate. Ci sarebbe, poi, anche un’amichevole da disputare in Repubblica Ceca con incasso suddiviso a metà, ma spese di trasferta a carico della Sampdoria.

La Sampdoria non dovrebbe quindi più avere conti in sospeso riguardo l’affare Patrick Schick. Che ora, dopo le stagioni turbolente alla Roma, sta trovando continuità al Bayer Leverkusen. Tredici goal in 36 partite l’anno scorso, otto in nove di Bundesliga quest’anno. Il suo valore sta finalmente venendo fuori.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top