skip to Main Content

Sampdoria, battere il Verona e godersi D’Aversa

di Luca Uccello
Sampdoria Verona D'Aversa

Battere il Verona e godersi la Sampdoria. di Roberto D’Aversa. Sarebbe bello se potesse succedere, se la classifica cambiasse ancora a favore dei blucerchiati

Battere il Verona e godersi Roberto D’Aversa. Sarebbe bello per lui, per la Sampdoria. Sarebbe il giusto premio per un allenatore che sta facendo il massimo per giocare a pallone e vincere. Non è mai semplice e se non avesse conquistato i tre punti a Salerno, sarebbe stato impossibile continuare a puntare su di lui.

Inutile negarlo. Roberto D’Aversa si è ripreso la Sampdoria, ora tocca ancora a lui, abbracciarla, stringerla forte a sè e non lasciarla scappare. L’occasione si chiama Hellas Verona. Una squadra difficile da battere perché Igor Tudor sta giocando alla Juric, perché non si è mai visto un Giovanni Simeone così proprio come non si è mai visto un Gianluca Caprari così.

Bispgna provarci però. Bisogna farlo con la convinzione che il Verona si può battere, si può fare con lo spirito di Salerno, con quello con cui la squadra ha lavorato in settimana per arrivare ai tre punti. Niente di nuovo, insomma.

D’Aversa ha bisogno della fiducia di tutta il mondo Sampdoria

Sampdoria, battere il Verona e godersi D’Aversa

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria, Ramirez ancora niente: Ferrero non ha fretta

Per riuscirci c’è bisogno di fiducia, di remare tutti dalla stessa parte. E questa settimana, quella passata è stata quella in cui la Sampdoria si trovava in acque agitate, dove tornare indietro non era possibile, dove andare avanti era ancora l’unica possibilità. Ora che la nave è arrivata in porto i marinai sono stati applauditi un po’ da tutti. Un premio giusto per il loro sacrificio.

Ora bisogna ripetersi, rimettersi in mare e riprovare ad attraversare ancora il mare agitato. Se sarà burrasca sarà solo al novantesimo. Ma tutti insieme, tutti ai remi, con D’Aversa al timone questa squadra può farcela, può fare un altro passo in avanti verso la salvezza, l’unico obiettivo possibile oggi.

Poi a gennaio si vedrà. Vedremo se Ferrero metterà a disposizione dei fondi, vedremo se Faggiano sarà bravo a farsi prestare dei giocatori, vedremo dove sarà anche D’Aversa. Di sicuro avere fiducia nel proprio tecnico è fondamentale e i risultati si sono visti.

Ora però non bisogna commettere il nuovo errore, quello di abbandonarlo in mezzo al mare…

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top