skip to Main Content

Sampdoria, un caro saluto alle vedove di Ranieri e bravo Ferrero

di Massimiliano Lussana
Sampdoria Ranieri Ferrero

La Sampdoria di Roberto D’aversa sta facendo dimenticare quella di Claudio Ranieri. Con il gioco, il coraggio e i risultati. Insomma in Casa Sampdoria si può dare un caro saluto alle vedove di Ranieri e dire bravo Ferrero

Vorrei tornare alla prima Puntina della stagione blucerchiata di quest’anno, quella di Coppa Italia, a Ferragosto, quando la Sampdoria non fece una partita perfetta contro l’Alessandria.

Ma scrissi, e dissi, che avevo visto più calcio quella sera che in tutta la stagione precedente, persino al di là del passaggio del turno.

E la stessa Puntina ho potuto scriverla dopo la partita con il Milan, persa del tutto immeritatamente, dopo il pareggio di Reggio Emilia con il Sassuolo, e dopo il pareggio di domenica scorsa al Ferraris contro l’Inter. Partita dove la Sampdoria avrebbe potuto perdere, ma avrebbe potuto anche vincere, e soprattutto ha messo in mostra il miglior calcio visto contro i nerazzurri quest’anno.

E così oggi abbiamo visto uno straordinario Caputo. Se domenica il nuovo arrivato era rimasto un po’ in ombra e quasi avulso dal gioco, sprecando anche uno splendido assist di Bereszinsky con una ciabattata abbastanza indegna, oggi si è capito perfettamente perchè il questi anni è esploso dai campionati con la maglia della Virtus Entella con il presidente Gozzi che l’avrebbe voluto come bandiera assoluta, alle imprese di Empoli con i 42 gol, alle stagioni con il Sassuolo che l’hanno portato ai vertici della classifica dei cannonieri della serie A a un’età matura e anche in Nazionale.

La Sampdoria di Ferrero continua a stupire e a fare bene in campo

Sampdoria Ferrero D'Aversa Ranieri

Sampdoria, un caro saluto alle vedove di Ranieri e bravo Ferrero

LEGGI ANCHE Sampdoria-Genoa a colpi di murales: il derby continua. Tutti gli episodi

Insomma, oggi abbiamo visto perchè Caputo è Caputo e il peso realizzativo che può avere in questa squadra, in coppia con Quagliarella o, appena sarà recuperato, a mio parere, ancor più con Gabbiadini, con cui è più complementare.

E poi, esattamente come contro l’Inter, abbiamo visto un Candreva maestoso, pronto ad operare non solo sulle fasce, ma anche per vie centrali. E anche il fatto che Damsgaard abbia iniziato a crescere rispetto alle pessime prestazioni di inizio campionato fa pensare che il meglio debba ancora venire.

Il merito, uno dei meriti, di tutto questo è a mio parere di Roberto D’Aversa, che mette la squadra bene in campo, senza rinunciare mai a giocare.

E vorrei dedicarlo alle vedove inconsolabili di Ranieri, che qualche mese fa ci spiegavano che senza sir Claudio la retrocessione sarebbe stata certa e chissenefregava se non faceva giocare i giovani, se non valorizzava il patrimonio della società non creando plusvalenze come invece faceva Giampaolo (e questo si è visto drammaticamente nel mercato di questa estate) o se Askildsen, che a mio parere è quello destinato a crescere più di tutti a centrocampo, ha giocato 91 minuti in tutta la stagione, quello che per me è un reato calcistico. Anche e soprattutto ricordando la splendida rete realizzata l’anno prima.

Insomma, le vedove di Ranieri possono finalmente vedere schemi e gioco costruito al di là delle iniziative individuali. Ma anche dal concetto di palla lunga e pedalare.

L’altro merito di tutto questo, occorre dirlo, anche se non si tratta del mio bene culturale di riferimento, è di Massimo Ferrero e della società. Che non ha il mio stile, che non sempre è gradevole, che a volte è imbarazzante, ma che ogni anno mette in piedi una squadra che fa bene in serie A. E assicura bilanci puliti, persino l’ultimo in perdita. E non è poco.

A un certo punto, oggi, su Sky è andata via la voce dei commentatori e per dieci minuti buoni il sonoro è stato solo quello del campo, come lo scorso anno quando allo stadio eravamo solo noi.

Si sentivano solo i tifosi doriani, per una volta padroni dello stadio, come mai lo sono stati in casa in questa stagione, e i cori erano tutti contro il presidente.

A mio parere, alla luce di ciò che stiamo vedendo e anche del mercato di quest’anno è assolutamente sbagliato e ingiustificato e credo che osservatori onesti – non ferreriani – abbiano il diritto e il dovere di dirlo, sfidando l’impopolarità.

E le vedove, oggi, se sanno guardare, hanno trovato un nuovo amore.

L’obiettivo della Sampdoria è confermarsi nella parte sinistra della classifica

sampdoria live ferrero conferenza roberto d'aversa osti

Sampdoria, un caro saluto alle vedove di Ranieri e bravo Ferrero

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top