skip to Main Content

Calciomercato Sampdoria, cosa manca per arrivare a Conti

di Francesco Tonelli
Andrea Conti Sampdoria

Andrea Conti ormai è in uscita dal progetto del Milan, ma per la Sampdoria ci sono alcuni ostacoli a frenare il trasferimento. I dettagli.

La Sampdoria comincia piano piano a porre le basi della sua futura squadra e sul mercato le trattative entrano nel vivo. Nello specifico i blucerchiati sono sempre sulle tracce di Andrea Conti, il terzino del Milan che Roberto D’Aversa ha allenato e apprezzato a Parma nella scorsa stagione. Per quanto riguarda Conti, infatti, ci sono novità. Positive e negative.

Innanzitutto, nell’ultima amichevole che i rossoneri di Stefano Pioli hanno vinto 6-0 contro la Pro Sesto, Conti non ha particolarmente brillato, nonostante il livello inferiore dell’avversario. Questo avrebbe spinto ancora di più la dirigenza del Milan a propendere per una cessione del terzino classe 1994. E fin qui tutto bene per la Sampdoria.

Anche perché i principali concorrenti sulle tracce di Conti, ovvero i cugini del Genoa, hanno da poco ufficializzato l’ingaggio di Stefano Sabelli (ex obiettivo della Sampdoria) nello stesso ruolo del giocatore del Milan. Ciò significa che i blucerchiati sono ormai in vantaggio su tutti per concludere l’affare.

Sampdoria, le difficoltà per Conti: nodo ingaggio e formula cessione

Calciomercato Sampdoria, cosa manca per arrivare a Conti

LEGGI ANCHE: Calciomercato Sampdoria, Friburgo pronto a trattare Grifo

Se fin qui si è parlato di buone novità, arrivano le cattive. O almeno, non così buone. Diciamo che ci si può e deve lavorare. La prima, infatti, riguarda la formula dell’eventuale trasferimento di Conti dal Milan alla Sampdoria. I rossoneri intendono sì liberarsi del cartellino del loro giocatore, ma non possono girarlo in prestito. Il contratto di Conti scade nel 2022 e, stando così le cose, i Diavoli rischierebbero di perderlo a zero. Mentre, per evitare una minusvalenza, la dirigenza del Milan deve chiedere almeno cinque milioni di euro ad ogni pretendente.

Difficile trovare una società che spenda 5 milioni per un giocatore da rilanciare e così martoriato dagli infortuni. Tanto più che la Sampdoria intende muoversi sempre in modo cauto e accorto con le cifre da sborsare. Ecco perché la trattativa frena ed ecco perché anche l’ingaggio di Conti è una nota un po’ dolente della questione. Il difensore italiano percepisce a Milano più di due milioni di euro netti a stagione, decisamente troppi per i blucerchiati. Ma se in questo caso il giocatore, pur di ottenere la chance di un riscatto, potrebbe diminuirsi l’ingaggio spontaneamente, resta sempre il Milan da convincere. E non sarà facile.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[ajax_load_more preloaded="true" preloaded_amount="30" container_type="div" single_post="true" single_post_id="46275" single_post_order="previous" single_post_target=".single-blog-article" post_type="post" pause_override="true" transition="none" single_post_taxonomy="category" scroll_distance="-1500"]
Back To Top