skip to Main Content

York (Dinan) fa affari con Hoist (creditore Ferrero). Lo scenario

di Gabriele Frassanito

York (Dinan) fa affari con Hoist (creditore Ferrero):lo scenario secondo i rumors degli ambienti finanziari potrebbe coinvolgere i concordati

La notizia è di un mese fa, ma curiosamente viene a galla solo in questi giorni. C’entra un intreccio, forse normale per il mondo della finanza, dove i soldi girano vorticosamente. Ma un incrocio che suscita qualche domanda.

York Capital, il fondo di Jamie Dinan che supportava Luca Vialli nel tentativo di acquisto della Sampdoria del 2019,  ha venduto un portafoglio di non performing loans (crediti deterioriati) da 400 milioni di euro lordi a Hoist Finance, principale creditore di Massimo Ferrero.  Il portafoglio è composto da circa 37mila esposizioni, di cui una parte rilevante assistita da piani cambiari. L’operazione è stata battezzata Project Grey

L’operazione rientra ovviamente in quello che il core business di Hoist Finance ( vi avevano parlato dei piani di sviluppo della società in questo articolo:  Hoist (creditore Ferrero) vola e punta al raddoppio nel 2023).

York (Dinan) fa affari con Hoist (creditore Ferrero). Lo scenario

La Sampdoria al momento non è coinvolta. Ma  negli ambienti finanziari si parla di altri movimenti ed operazioni proprio attorno ai crediti deteriorati (NPL)  di Eleven Finance posseduti da Hoist. Movimenti che potrebbero incidere sull’approvazione o meno dei piani di concordati visto che i creditori di fatto lo “comandano”.

cessione sampdoria concordati vendita farvem

Va detto che il commercialista Gianluca Vidal, che segue i concordati della famiglia Ferrero ed è nel CDA della Sampdoria, aveva dichiarato di non vedere l’utilità di un’acquisizione ostile dei crediti di Eleven Finance (Concordati Elevan Finance, Vidal: Inutile comprare i debiti di Ferrero)

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top