skip to Main Content

Hoist (creditore Ferrero) vola e punta al raddoppio nel 2023

di Gabriele Frassanito

Hoist Finance (creditore Ferrero) vola e punta al raddoppio nel 2023. La società che è il maggior creditore di Eleven Finance vuole crescere ancora sul mercato

Hoist è il maggior creditore di Eleven Finance. Se il giudice dott. Cardinali ammetterà la società di Ferrero al concordato preventivo, Hoist avrà quindi grande voce in capitolo.

Hoist Finance è creditore della Eleven Finance (gruppo Ferrero)

Il gruppo svedese da’ lavoro in Italia a 420 addetti e gestisce 10 miliardi di crediti. Il business principale è quello di rilevare i cosiddetti NPL (non perfoming loan). Ossia crediti che difficilmente verranno onorati e di cui le banche cercano di liberarsi per contenere le perdite di bilancio. Chi rileva i NPL lo fa ad un prezzo inferiore del valore nominale e può quindi realizzare profitti notevoli seppur con margini di rischio.

Nonostante questo Hoist ha un pacchetto di  10 miliardi di euro di asset e intende raggiungere quota 20 miliardi nel 2023.

hoist creditore ferrero

LEGGI ANCHE VIDEO: Sampdoria Primavera, Di Stefano show nel derby

Queste le parole del numero uno di Hoist Italia Clemente Reale al Sole24Ore:

Vogliamo continuare a rafforzare la nostra presenza nel nostro Paese perché le opportunità che offre rimangono superiori ad altre nazioni. In Francia e in Germania sono stati realizzati miglioramenti significativi dei risultati . E la Germania è stata anche il mercato più attivo in termini di acquisizioni di portafoglio nel 2020, anche se il livello complessivo di acquisizione è stato basso a causa della pandemia. I nostri sforzi sono tutti concentrati alla crescita delle masse in gestione, con l’obiettivo di passare dai circa 10 miliardi di euro di non performing attuali a oltre 20 miliardi nel giro di 18 mesi

Il mercato dei crediti deteriorati italiani fa gola a molti operatori del settore e la pandemia  genererà inevitabilmente un aumento dei nuovi flussi di NPL nel sistema bancario.

Secondo i calcoli di PriceWaterhouseCoopers sul mercato arriveranno tra i 60 e i 100 miliardi di crediti deteriorati nel giro di due anni.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top