skip to Main Content

Il futuro di Carlo Osti? Un signore nelle mani di Ferrero. Il racconto

di Luca Uccello
Sampdoria Osti Ferrero

Il futuro di Carlo Osti? È nelle mani del presidente Ferrero. Il racconto di come si sta consumando forse un addio che sarebbe doloroso per i colori blucerchiati

Poteva firmare il rinnovo già a settembre dello scorso anno. A inizio campionato. Poteva farlo quando voleva. Ogni settimana, ogni mese Massimo Ferrero diceva a Carlo Osti di rinnovare non per una ma per due, tre stagioni con la sua Sampdoria.

Ma Carlo Osti lo conosciamo è un Signore di questo calcio. Di un altro calcio. Carlo è un direttore sportivo stimato, apprezzato, al quale è difficile non volergli bene. È anche una persona di fiducia. Anche Ferrero questo l’ha capito. Forse però oggi l’ha dimenticato.

Mesi e mesi a non firmare non per paura, come qualcuno predica da anni, della fine dell’era Ferrero. Quello non c’entra niente. Ma perché come è giusto che sia prima di firmare bisogna valutare il lavoro. E il lavoro di un direttore sportivo non si misura solo con le plusvalenze ma anche con i risultati sul campo. Quelli sono stati positivi, anche se il presidente avrebbe voluto ancora di più…

Da settembre a maggio per un accordo che Carlo ha trovato ancora una volta senza problemi con il suo presidente. E Riccardo Pecini? Prima firma lui, poi firmo io sembra aver detto Osti al suo presidente. Un’amicizia forte, un connubio lavorativo che avrebbe spaventato. Ed è qui che qualcosa si incrina, fa dubitare Ferrero. “Ma non è che vogliono fregarmi questi due?”. Chissà se avrà pensato questo o qualcosa di simile o anche di diverso.

Massimo Ferrero avrebbe incontrato anche Faggiano, smentito Lopes

Il futuro di Carlo Osti? Un signore nelle mani di Ferrero. Il racconto

LEGGI ANCHE Sampdoria, il nome nuovo di Ferrero: Admar Lopes come nuovo direttore sportivo

Da quel momento, circa due settimane, il telefono di Carlo Osti è come se non esistesse più per Massimo Ferrero. Mai più una chiamata, una chiacchierata, un consiglio o un punto sulla Sampdoria del presente e quella del futuro. Tutto per colpa della richiesta di poter firmare con Pecini?

Per qualcuno è semplicemente strategia, per altri la fine di un rapporto ormai vicinissimo. Pecini è cercato dallo Spezia, Osti non si è ancora messo sul mercato nonostante la Cremonese di Braida l’abbia corteggiato. La verità forse sta nel mezzo: Ferrero si vuole liberare solo di uno dei due…

Il dopo Ranieri? Decide tutto lui, il padrone. Lui con l’aiuto dell’agente Pocetta, con l’altro agente Pastorello ma anche con Daniele Faggiano (amico tra l’altro di Osti) che Ferrero vorrebbe portare alla Sampdoria ma a modo suo. Smentito invece l’interesse Admar Lopes.

Intanto i giorni passano e il 30 giugno è vicino. Sarà la fine di una storia d’amore lunga nove anni? Il suo futuro è nelle mani di Ferrero…

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top