skip to Main Content

Massimo Ferrero non voleva più Ranieri. E Ranieri si è arreso…

Serie A Sampdoria Allenatore Ferrero

Massimo Ferrero non voleva più Claudio Ranieri sulla panchina della Sampdoria. L’offerta al ribasso la soluzione per spingerlo ad andarsene

Tutto previsto. Anche il finale. Massimo Ferrero non voleva confermare Claudio Ranieri. Non alle sue condizioni. Quelle mai. Non a quasi due milioni di euro netti a stagione, non per due anni. Non voleva confermarlo e Claudio Ranieri è andato via.

È Claudio Ranieri ad essere andato via, ad aver alzato bandiera bianca e ad essersi arreso. Questo è quello che passerà alla storia. Non il contrario. Non è Massimo Ferrero ad aver mandato via il suo allenatore ma l’allenatore che per mancanza di presupposti, stimoli e chissà cos’altro ancora ha scelto di lasciare Genova. Sorpresi?

Dire che ci ha sorpreso non è corretto: queste situazioni fanno parte delle trattative del calcio quando ci sono delle scadenze di contratto, quindi si è sempre preparati a ogni tipo di finale. Ci dispiace, ma il rispetto reciproco non va mai messo in discussione e non lo è neppure in questa situazione, cosÏ come le idee, le prospettive e i contenuti di ognuno di noi

Massimo Ferrero non è sorpreso. E come potrebbe esserlo? E perché dovrebbe esserlo? Il rinnovo di un anno prima a 800mila euro, poi a poco più di un milione non poteva certo convincerlo a cambiare idea. È come se per la vostra casa vi offrissero la metà? La vendereste? Direi di no. Tutto a un prezzo, anche alla sua età. Ranieri pensa di valere di più, legittimo. I risultati sono dalla sua parte, anche quest’anno, anche l’anno prima, in tutta la sua carriera. Vedremo se Commisso o Giulini saranno della stessa idea.

Rimpianti? Questo è un discorso diverso. Ora dispiace, un domani chissà. Ci sono le vedove di Giampaolo, ci saranno quelle di Ranieri. Ma la Sampdoria resta. Un concetto che mi piace, che poi è la realtà.

E Claudio Ranieri? Voleva restare e sarebbe rimasto anche con l’elmetto. Ma non a meno del suo valore. I soldi hanno fatto la differenza, ancora una volta. Non il progetto ma la volontà di puntare ancora su di lui. È mancata la fiducia, il mettere ancora una volta il tecnico al centro del progetto? Chi mi risponde?

Prima Giampaolo ora Ranieri. Nessun dramma

Massimo Ferrero non voleva più Ranieri. E Ranieri si è arreso…

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria prima l’ufficialità di Faggiano poi l’allenatore

Da Genova, dal giocattolino blucerchiato se ne è andato Marco Giampaolo che come Sinisa Mihajlovic pensava di valere di più. I risultati di entrambi sono sotto gli occhi di tutti. Ora va via anche Claudio Ranieri. Certo per ragioni diverse, perché lui sarebbe rimasto ancora. Ma è inutile fare drammi. Non ora almeno.

E ora cosa succede? Per Massimo Ferrero niente. Lui lavora sempre. È stipendiato per farlo e così…

Il mio senso di responsabilità nei confronti della società e a tutela dei calciatori mi portano solo a lavorare per aprire un nuovo ciclo tecnico della Samp, l’unico valore che veramente conta…

Una frase giusta, probabilmente qualcuno penserà detta però dalla persona sbagliata. Non entro nel merito. Mi piace parlare di numeri e in questo caso di nomi:

Sinisa Mihajlovic, Vincenzo Montella, Walter Zenga, Marco Giampaolo, Eusebio Di Francesco e Claudio Ranieri. Nomi belli, tutti. Anche quelli che hanno fallito sono arrivati con altri presupposti. Il prossimo sarà Roberto D’Aversa? Vedremo, non mi dispero ancora anche se oo spero sempre in Dejan Stankovic

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top