skip to Main Content

Sampdoria, Zapata un rimpianto anticipato, per colpa di altri…

di Gianluigi Marraffa
Sampdoria Zapata

La Sampdoria e Duvan Zapata un amore finito troppo presto. Un rimpianto continuo soprattutto ora con l’Atalanta che vola, con Zapata sempre a segno…

Molti tifosi della Samp, in questi due anni si saranno sicuramente chiesti: “Chissà se fosse rimasto Duvan Zapata dove saremmo adesso…”, e soprattutto ”perché hanno voluto vendere proprio lui?”. La verità qualcuno la conosce, altri no. In tanti credono che le colpe maggiorni vadano attribuite alla società e la sua continua ricerca di far plusvalenza. Può essere così, ma non solo.

LEGGI ANCHE Sampdoria, serve il miglior Quagliarella. Sei pronto Fabio?

La Sampdoria, come quasi tutte le società di Serie A e non solo, DEVE fare plusvalenze, se vuol rimanere a determinati livelli, non avendo, a parte gli introiti dai diritti televisivi e sponsor non paragonabili a quelli percepiti dalle big, altre entrate.

La domanda quindi da farsi è non perché la Sampdoria nell’estate del 2019 abbia ceduto un pezzo importante, ma perché abbia ceduto proprio Zapata semmai.

Piaceva Falcinelli, è arrivato Zapata

Facciamo ordine: Duvan Zapata nell’estate del 2017 viene preso in prestito con obbligo di riscatto dalla Sampdoria, insieme a Strinic, ma sono due operazioni slegate.

Se il terzino croato viene preso per 2 milioni di euro, Zapata viene a costare subito 3 milioni e l’obbligo di riscatto viene messo a 17, totale costo dell’operazione 20 milioni di euro. Ed è giusto ricordare come lui in estate avesse chiesto Falcinelli con Pradè che non lo ascolta e va a parlare con De Laurentiis…

La stagione di Duvan

Duvan segna e fa segnare oltre ad essere un punto di riferimento importante. Poi però qualcosa si rompe, e per Marco Giampaolo nella seconda parte della stagione non è più un titolare inamovibile, il che viene testimoniato dalle 7 esclusioni dal primo minuto a discapito di Kownacki e Caprari, che non si ricopriranno certamente di gloria.

È evidente che come tipologia di giocatore non sia il massimo per Giampaolo, che ha sempre preferito attaccanti più tecnici e di manovra (alla Muriel , Schick o Defrel) che forti fisicamente.

Tra Duvan e Denis, Giampaolo chi sceglie?

Nell’estate 2018 si arriva al bivio, oltre a Torreira la Samp decide di privarsi di un altro giocatore che possa fare cassa e plusvalenza: i candidati maggiori sono due Zapata e Praet, poi ci sono Berezinski e Linetty ma con valutazioni minori.

In tanti oggi dicono che sia stato scelto Zapata perché fosse quello con la valutazione più alta ed essendoci anche un obbligo di riscatto a carico dei blucerchiati. Vero in parte però. Zapata a conti fatti, non è stato una grande plusvalenza per la Samp visto che anche all’Atalanta è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto per una cifra complessiva intorno ai 26 milioni a fronte dei 20 spesi dalla Samp.

E Praet? A quanto è stato acquistato e poi venduto dalla società di Corte Lambruschini? Siamo proprio sicuri che la società volesse a tutti costi disfarsi per far cassa con Zapata piuttosto che con il preferito di Marco Giampaolo?

I conti non tornano, Duvan non è la Plusvalenza…

Denis Praet viene acquistato dalla Sampdoria nell’agosto 2016 dall’Anderlecht per 10 milioni di euro. Nell’estate 2018 in molti club sono su di lui, visto la buona stagione disputata (2017-2018), dove il suo posto negli 11 titolari non è praticamente mai in discussione visto che con Giampaolo disputa 32 partire di cui 31 da titolare e solo in un’occasione subentra ed è la partita contro il Crotone al rientro da un mese di stop per infortunio, e le cifre sono molto vicine a quella poi riscossa dai blucerchiati quest’estate dalla cessione al Leicester, ovvero 20 milioni.

Confrontiamo un attimo le due operazioni quindi:

-Zapata acquistato a 20 milioni venduto a 26 (6 milioni di plusvalenza a condizioni poco favorevoli come il prestito biennale)

-Praet acquistato a 10 milioni venduto a 20 (10 milioni di plusvalenza).

Insomma è stata più una scelta della società vendere Zapata, o è stata più una scelta del mister considerando che per lui a differenza di Praet, per esempio, non fosse un intoccabile?



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha un commento

  1. Salve, mi sono imbattuto casualmente in questo articolo. Sostenere che Giampaolo (l’unico allenatore che abbia valorizzato parecchi giocatori e fatto entrare nelle casse della Samp diverse decine di milioni) abbia avuto una qualche “responsabilità” nella cessione di Zapata, mi sembra davvero falso e ingeneroso. Dimenticate anche che Zapata è stato fermato da un paio di infortuni. Comunque, il calcio è bello anche per questo, si può’ sostenere tutto e il contrario di tutto. Fatto sta che la Samp senza Giampaolo e senza almeno sei ottimi giocatori ceduti gioca un calcio modesto ed è lì che lotta per evitare la B. Non si può fare e disfare ogni anno una squadra pretendendo dal tecnico di risolvere i problemi. Giampaolo ce l’ha fatta, Ranieri è in estrema difficoltà. Buon lavoro e buona fortuna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it