skip to Main Content

Questa volta si vende per davvero…

di Massimiliano Lussana
Sampdoria Regina Mercato

Oggi ci vorrebbero due Puntine.

Una sul campo e una sulla società.

E visto che le buone notizie arrivano solo dal secondo fronte, ce le giochiamo subito.

Ecco, finalmente siamo contenti.

Nel senso che, stavolta, la vendita è vera.

E viene persino prima dell’inguardabile squadra di Sampdoria-Sassuolo.

Stavolta, non ci sono o non dovrebbero esserci americani che abbassano il prezzo ogni settimana pensando ci comprare la Samp per un tozzo di pane o una ciotola di riso fra gli applausi del coro e soprattutto ci sono cose scritte, offerte vincolanti rispetto alle quali non si può più tornare indietro.

Nessuno sano di mente vorrebbe Ferrero presidente a vita, ma continuo a ribadire che occorre qualcuno meglio di Ferrero, non qualcuno per cui la Sampdoria sia un gioco contabile. E questa volta potremmo e dovremmo esserci.

Veniamo alla parte triste, che è la partita di domenica.

LEGGI ANCHE Calendario Sampdoria: sarà un febbraio torrido…

La Sampdoria ha giocato settanta minuti con un uomo in più, ma se non avessimo visto con i nostri occhi il rosso sventolato a Peluso (assolutamente esagerato e sbagliato a mio parere) e se non avessimo letto il tabellino non ce ne saremmo mai accorti.

Il Sassuolo ha giocato meglio e persino il pareggio è stretto per gli uomini di De Zerbi, esattamente come sarebbe stato stretto contro il Genoa, con cui pure hanno perso al Ferraris poche settimane fa.

E invece abbiamo visto la peggiore Sampdoria di tutte le Sampdorie di Ranieri, molle e molla, con moltissimi giocatori fuori forma e fuori posto, con Augello titolare che avremmo preferito risparmiarci, con Gabbiadini di nuovo abulico, con Ramirez che è l’ombra di quello di prima dell’infortunio, con Ekdal che gioca da fermo, nemmeno lontano parente del geometra e capomastro del centrocampo che avevamo imparato ad amare,  con una formazione sbagliata e un approccio pure.

E anche trovare quelli che si sono salvati è durissima: vado controcorrente dicendo che a me il Quagliarella del primo tempo soprattutto è parso finalmente vivo e vitale, il migliore dopo tanto tempo, insieme a quello visto a Cagliari e con il Brescia; che Thorsby è ogni settimana più indispensabile e, soprattutto, che penso che Colley sia uno dei migliori centrali del campionato e oggi l’ha dimostrato per l’ennesima volta.

Ma il problema qui non sono nemmeno i singoli.

Il problema è che, per la prima volta dopo tanto tempo, ho avuto l’impressione che la pratica salvezza per la Sampdoria non sia chiusa.

E non è una bella impressione, credetemi.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it