skip to Main Content

Sampdoria, per il futuro Ranieri sperimenta il trequartista

di Francesco Tonelli
OK Benevento-sampdoria Ramirez Ranieri

Una Sampdoria camaleontica, quella di Ranieri, che anche nel derby ha sperimentato soluzioni differenti. Ecco come l’allenatore blucerchiato ha commentato la sua scelta. 

Un derby terminato in pareggio, con un 1-1 che accontenta tutti e non accontenta nessuno. E’ passato avanti il Genoa con Zappacosta al 52′, ma la Sampdoria ha saputo reagire e riacciuffare il match venti minuti più tardi con il colpo di testa di Tonelli.

Ma la reazione non è stata soltanto psicologica per la Sampdoria. Ranieri infatti, poco dopo aver subito lo svantaggio, ha riproposto in campo il 4-4-2 classico della Sampdoria di quest’anno, a scapito dell’iniziale modulo con Verre trequartista e le due punte Keita e Quagliarella. Augello si è abbassato e Bereszynski si è allargato a fare il terzino, permettendo a Candreva di rimanere stabilmente sulla linea di centrocampo. Infine Jankto ha preso il posto di Verre, sancendo così il cambio tattico. E le cose sono cambiate per davvero.

Infatti è apparso evidente che, con un ritorno alla difesa a 4, la Sampdoria abbia giocato tutta un’altra partita. E Ranieri commenta così:

Sappiamo benissimo che quando giochiamo con il 4-4-2 o 4-4-1-1 la squadra riesce a trovare i suoi meccanismi. Contro il Genoa la Sampdoria voleva fare una partita diversa e ci stavamo riuscendo. Io sto cercando di portare la squadra a giocare con due punte e un trequartista. Non sempre è possibile, perché come dicevo, ritornando al 4-4-2, la squadra ritrova automatismi e meccanismi che conosce. Però insomma, ogni tanto bisogna provare qualcosa di diverso.

LEGGI ANCHE: Sampdoria, Ranieri: non facciamo i provinciali

OK SN sampdoria rinnovo verre
Sampdoria, per il futuro Ranieri lavora sul trequartista.

Inoltre Ranieri spiega come il 4-4-2 della sua Sampdoria non sia un modulo contenitivo e difensivo, anzi:

Con il 4-4-2 abbiamo due difensori centrali invece che tre, perciò è più offensivo. Quando giochiamo con un trequartista e una sola linea di quattro giocatori siamo più coperti. La difesa a 5 la possiamo fare quando, nei minuti finali, la squadra avversaria ci attacca a spron battuto. Non sempre possiamo permettercelo ma se non si prova non si riuscirà mai. E vediamo nei prossimi turni che cosa possiamo fare.

Forse per evitare monotonia tattica o per audacia personale, Ranieri afferma senza ombra di dubbio di voler cercare nuove soluzioni di gioco per la sua Sampdoria. E per nuove, come ha detto Sir. Claudio, si intende qualcosa di diverso dal 4-4-2 o dal 4-4-1-1 abituale della Sampdoria. Qualcosa di diverso dalle solite acque navigate e conosciute dalla banda blucerchiata, insomma, anche se questo esperimento, almeno nel derby, è ancora lontano dal dare i frutti sperati. Ma, come lo stesso Ranieri ha dichiarato, si vedrà tutto meglio nelle prossime partite.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!