skip to Main Content

Sampdoria, Pellegrini: Lanna può restare presidente e Vialli…

di Matteo Palmisano
Sampdoria Vialli Dono

L’ex capitano della Sampdoria Luca Pellegrini ha ipotizzato il ruolo che ricoprirebbero i suoi compagni in società: Lanna presidente, Vialli in società

Nel suo libro “Sampdoria 1991. L’anno dello scudetto  le cose mai dette” uscito a dicembre, Luca Pellegrini ha raccontato diversi episodi di quella squadra fantastica. Più che una squadra, una famiglia, guidata in modo intelligente e unico da Vujadin Boskov, il gestore di quel gruppo magnifico.

In un’intervista al Secolo, il capitano, afferma di coltivare, così come Marco Lanna, il sogno di riunire i ragazzi del 1991 alla guida della Sampdoria. Pellegrini ha le idee chiare sui compiti di ognuno, a cominciare dalla gestione societaria:

Sarebbe una storia stile Mantovani. Ci vorrebbe una proprietà che conoscesse quell’epopea e i suoi valori e che si fidasse ciecamente di quel gruppo di ragazzi sampdoriani diventati adulti sampdoriani. Mi sembra però che negli ultimi anni le società di calcio siano diventate appetibili quasi esclusivamente per le multinazionali.

Due presidenti, uno alla Boniperti, amministratore delegato, e sarebbe Vialli, l’altro Lanna, che si sta già impratichendo. Mancini dt più che allenatore, con Lombardo assistente.

Sampdoria, i ruoli di Pellegrini: i portieri a Pagliuca, i centrocampisti a Cerezo

sampdoria mancini scudetto vialli

Sampdoria, Pellegrini: Lanna può restare presidente e Vialli…

LEGGI ANCHE Sampdoria, Verre torna a Genova in cerca di rivincita

Nel sogno di Pellegrini per la Sampdoria, ci sarebbe l’introduzione degli allenatori di reparto. A ognuno verrebbe affidato un comparto della squadra, a cominciare dai portieri, messi nelle mani di Gianluca Pagliuca:

Creerei infatti la figura di allenatore di reparto. Pagliuca i portieri, Vierchowod  Mannini i difensori, Pietro giocava sulla propria aggressività, Moreno su furbizia e intuito. Cerezo i centrocampisti. A Invernizzi il settore giovanile. Preparatore atletico Katanec. Dossena potrebbe ricoprire qualunque ruolo. E poi Pari, sarebbe un ottimo ds…. A me sarebbe piaciuto fare l’allenatore in seconda, ma quelli di una volta, alla Ciso Pezzotti.

Pellegrini approfondisce quella che sarebbe la sua figura. L’ex capitano non ha il patentino da allenatore, pertanto si vedrebbe in un ruolo di rappresentanza. Se poi Mancini dovesse chiamare:

Mi vedo come supporto dell’allenatore, confidente dei calciatori, all’occorrenza un riferimento anche per la società. Un po’ quello che sono stato da capitano, ma non ho il patentino, quindi mi vedrei in un ruolo di rappresentanza. Alla Antognoni nella Fiorentina. Se Mancini mi chiamasse per fare il vice? Non ci crederei…non ci sentiamo spesso, quando è mancato mio papà, al quale ho dedicato il libro, mi ha scritto un messaggio. Mi ha fatto piacere-



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.



© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!