skip to Main Content

Sampdoria, dna Pecini: “Mio papà è come Mbappé”

di Matteo Palmisano

Suo padre Aldo è stato uno dei pionieri del ruolo, il “Mbappé” degli osservatori: ora Riccardo Pecini prova a ricalcarne le imprese alla Sampdoria

Di padre in figlio. Nel dna dei Pecini scorre il fiuto per gli affari e per i talenti da far sbocciare. Così fa Riccardo alla Sampdoria e così ha sempre fatto suo padre Aldo, scopritore, tra gli altri, di Julio Cesar ai tempi dell’Inter. Un curriculum fittissimo per il padre dell’attuale capo osservatore della Sampdoria, che ha girato tra Chievo, Fiorentina, Lazio, Torino, Parma, Manchester City e nel 2001 contribuì anche alla vittoria dello scudetto degli Allievi al Bologna.

“Mio papà è stato un pioniere di questo lavoro – dice Riccardo Pecini, che poi racconta come ha iniziato – lo seguivo sui campi di tutte le categorie, da Avezzano fino ad arrivare a San Siro. La passione era nel dna e, mentre studiavo, ho avuto la fortuna di iniziare a collaborare con il Parma”.

LEGGI ANCHE Sampdoria, i segreti di Pecini per scoprire il nuovo Icardi

Aldo Pecini lavora al Napoli dal 2018, dove monitora i campionai esteri nel team di Giuntoli, ma Riccardo non nasconde un desiderio per il futuro: “Portarlo alla Sampdoria sarebbe come prendere Mbappé”. 



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!