skip to Main Content

Sampdoria, Gabbiadini parte per Ponte di Legno: il programma

di Matteo Palmisano
Sampdoria, Gabbiadini Pensa Già Al Ritorno In Campo. Le Parole

Manolo Gabbiadini, dopo l’infortunio al ginocchio, si sta preparando per la prossima stagione: partirà per Ponte di Legno con la Sampdoria

Manolo Gabbiadini sta tornando. L’attaccante della Sampdoria, a quattro mesi e mezzo dalla rottura delle legamento crociato, sta lavorando duramente per essere pronto per la prossima stagione. E, al Secolo XIX, ha confermato la sua partenza per Ponte di Legno:

Durante la riabilitazione il ginocchio non si è mai gonfiato, non mi ha mai fatto male dopo il lavoro. Sarò a Ponte di Legno, a luglio farò la parte atletica con la squadra ma eviterò i contrasti, niente partitelle e possesso palla. Sto spingendo, manca l’ultimo step, fondamentale, per arrivare ad agosto a lavorare più pienamente con i compagni.

Gabbiadini sta lavorando ogni giorno e, dopo essere stato a Bologna, sta continuando a Milano Marittima, sul campo del Cervia. Palestra e lavoro con il pallone, ma senza fissare una data precisa:

La settimana scorso mi sono allenato a Bologna, ora sono a casa mia, a Milano Marittima, e lavoro sul campo del Cervia Mi divido tra palestra e terreno di gioco, lavoro con la palla. Una data per il rientro? Non so, solo sfidando compagni e avversari in campo vedi a che punto sei. So che ci vorrà ancora tempo a tornare al livello degli altri ma sono felice per come sta andando.

Sampdoria, il momento più difficile per Gabbiadini

Sampdoria, Gabbiadini parte per Ponte di Legno: il programma

LEGGI ANCHE Calciomercato Sampdoria, Petrachi nuovo direttore sportivo? Il punto

LEGGI ANCHE Calciomercato Inter, Skriniar sceglie il PSG. I dettagli

Cancellare e ripartire. Gabbiadini, che negli ultimi due anni ha avuto anche i problemi all’ernia e alla caviglia, ha colto questo infortunio per poter lavorare meglio su se stesso:

Voglio solo cancellare presto quanto successo. Questo infortunio mi ha aiutato molto. Ora, purtroppo, ho avuto questa possibilità, e la sfrutto in positivo. Mi sento migliorato e credo veramente di poter tornare più forte.

Il momento più duro, senza dubbio, il giorno dopo:

Il giorno dopo l’infortunio togli la fasciatura vedi il ginocchio gonfio, ti fanno la risonanza, realizzi che starai fermo per mesi: è una mazzata. E nei primi 15-20 giorni il dolore è stato forte. Poi ho iniziato la riabilitazione a Bogliasco ed è andata subito molto meglio anche se era dura vedere i compagni andare in campo mentre io tornavo a casa.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!