skip to Main Content

Sampdoria, Ekdal: “Quello che succede è disumano”

di Matteo Palmisano
OK Getty Ekdal Sampdoria Inter Stranieri

Ekdal ha raccontato la sua esperienza con il Coronavirus: il centrocampista della Sampdoria affronta anche il tema dell’isolamento

Albin Ekdal è stato uno dei primi giocatori della Sampdoria a risultare positivo al Coronavirus. Il 30enne centrocampista svedese racconta così la sua esperienza con la malattia: “Il mercoledì dopo la gara con il Verona ho cominciato ad avere mal di schiena e mal di testa. Poi la febbre e ho capito che sarebbe potuto essere il virus. La conferma è arrivata dal fatto che diversi compagni avessero gli stessi sintomi”.

Più che per la malattia le difficoltà per Ekdal sono state dovute all’isolamento e alla lontananza dalla famiglia: “La malattia a livello clinico non è stato un problema. La difficoltà più grossa è stata stare da solo in quarantena perché io e mia moglie abbiamo deciso che sarebbe stato meglio se lei fosse rientrata in Svezia con nostra figlia. Non ho avuto paura per me, ma per ciò che avviene intorno. Quello che succede è disumano“.

LEGGI ANCHE Sampdoria, la dura vita di Ekdal: in solitudine a Genova

Ekdal ha voluto parlare anche della sua solitudine: “Mi manca il contatto umano. Tanti giorni da solo è dura, ma stiamo facendo la cosa giusta. Le mie giornate? Da cinque giorni mi alleno, poi tv, film e parlo tanto con mia moglie e mia figlia”.

Ekdal, da leader qual è, chiude con un messaggio a tutti i tifosi della Sampdoria: “Quando tutto sarà finito avremo più valori e un mondo più umano e meno egoista. Oggi è difficile parlare ai tifosi perché il calcio viene dopo. Prima ci sono tante vite da salvare: questa è la partita da giocare insieme. Il rinvio degli europei? Non possiamo pensare al calcio”.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it