skip to Main Content

Sampdoria, i 65 anni di Cerezo tra nostalgia e cani portafortuna

di Matteo Palmisano
OK Cerezo Sampdoria

Compie gli anni oggi Toninho Cerezo, che ripercorre gli anni d’oro alla Sampdoria tra aneddoti e il grande clima che si respirava a Genova

Compleanno in solitaria per Toninho Cerezo, campione d’Italia con la Sampdoria, che oggi festeggia, in Brasile i suoi 65 anni: “I miei nipoti mi hanno lasciato qui e sono tornati a Genova. Non vedo l’ora di tornarci anche io, dato che la sento come casa mia”.

Il brasiliano, poi, ricorda quegli anni magici a Genova: “Sento sempre Lanna, Vierchowod, il Mancio, Vialli. Eravamo una famiglia. Da Quarto a Nervi a Bogliasco era una casa unica. Questo ha fatto la differenza: in quegli anni alla Sampdoria c’era un clima che non c’era in nessuna altro club di Serie A”.

LEGGI ANCHE Guberti: “Cassano alla Sampdoria? Magie, rotture e favoritismi”

Ci sono aneddoti divertenti su quella squadra, come la vicenda dei cani e i balli al Carillon: “I miei compagni si lamentavano dei cani, ma poi ci giocavano. Per tenerlo buono avevo detto a Boskov che portavano via il malocchio. I balli al Carillon? Meglio non raccontare, ma lì non ero così lento come dicevano…”

Proprio sulla lentezza Cerezo chiude così: “Essere più intelligenti consente di correre meno, ma non tutti capivano”.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!