skip to Main Content

Sampdoria, caso Obiang: in udienza indizi sulla cessione?

di Gabriele Frassanito

Durante l’ultima udienza del Caso Obiang, sarebbero emersi degli indizi che fanno pensare ad un imminente cessione della Sampdoria.

Non era presente nessun giornalista a Roma all’udienza dello scorso 25 settembre relativa al caso Obiang.  Abbiamo solo il racconto di un anonimo avvocato sampdoriano che ringraziamo per aver assistito all’udienza (con mascherina blucerchiata) e aver condiviso quanto accaduto.

Il giudice Arturi ha aperto la seduta e ha subito fissato la prossima data di udienza al 16 ottobre per emettere  la sentenza sul giudizio abbreviato per Vanessa e Giorgio Ferrero e per i gli altri due imputati Guercini e Diamanti, ma anche  decidere sul rinvio a giudizio di Massimo Ferrero (che invece ha scelto il rito ordinario).
Il Pubblico Ministero chiedeva invece di fissare la più vicina data del 2 ottobre.
A quel punto l’avvocato Tenga, uno dei due legali Massimo Ferrero, chiedeva un rinvio breve, ma non proprio al 2 ottobre. La richiesta era motivata “anche per le questioni della società Sampdoria che, come noto, sono in via di definizione da parte di Massimo Ferrero”.
Quali saranno le questioni in “via di definizione”? E’ lecito pensare a qualche operazione legata alle vicende del concordato di Eleven Finance ed Farvem, più che a situazioni legate al calciomercato. O forse c’entra una possibile cessione della società alla quale Ferrero sta lavorando sotto traccia? 

LEGGI ANCHE Sampdoria, Caso Obiang: non pensiate che Ferrero

sampdoria obiang udienza cessione
Sampdoria, caso Obiang: in udienza indizi sulla cessione? Nella foto, l’avv. Gianluca Tognozzi, ex membro del CDA blucerchiato, legale di Vanessa e Giorgio Ferrero

Il GUP ha obiettato  che il presidente della Sampdoria  non era mai stato presente in aula e avrebbe dovuto adattarsi, confermando l’udienza per il 16 ottobre. 

A quel punto è iniziata l’arringa da parte dell’avvocato Gianluca Tognozzi, ex membro del CDA blucerchiato e difensore di Vanessa e Giorgio Ferrero, entrambi presenti in aula. La figlia e il nipote di Massimo Ferrero devono rispondere delle ipotesi di reato relative all’intervento di Vici srl (società del gruppo Ferrero) e al passaggio di denaro tra Sampdoria e la stessa Vici srl in merito alla consulenza sui lavori da svolgere a Bogliasco.

La discussione dell’avvocato Tognozzi è stata  molto tecnica a detta di chi era presente, toccando vari argomenti che potessero convincere il giudice sull’innocenza di Vanessa e Giorgio Ferrero. 
Da ultimo il legale ex membro del CDA blucerchiato ha affermato:”Se i lavori a Bogliasco non fossero completamente finiti si potrebbe procedere con la condanna”. Ma da quel che ci risulta i lavori non sono affatto terminati, come scritto anche nell’ultimo bilancio ( Sampdoria, Bilancio 2019: Ferrero investe sul mattone)
Rassegnando le proprie conclusioni, l’avvocato  ha chiesto per i suoi assistiti l’assoluzione perchè il fatto non sussiste. Oppure, in subordine, ha chiesto l’assoluzione perchè il fatto non è provato oltre ogni ragionevole dubbio.

Non resta a questo punto che attendere il prossimo 16 ottobre…



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!