skip to Main Content

Puggioni, tra VisPesaro, coronavirus e futuro…

di Gabriele Frassanito
Puggioni Sampdoria

Christian Puggioni, ex portiere blucerchiato e Ultras della Sampdoria, si racconta al Corriere dello Sport,  tra VisPesaro, coronavirus e futuro… 

LEGGI ANCHE Sampdoria, Pellegrini: Ferrero? Li avessi la comprerei io

A 38 anni  Christian Puggioni ha le idee ben chiare: dopo la laurea in giurisprudenza e l’abilitazione al corso da direttore sportivo, la strada sembrava tracciata.

La chiamata della Vis Pesaro ha semplicemente rinviato i programmi di un anno. Nel frattempo Puggio è tornato protagonista in porta e con i guantoni. Fino alla sospensione del campionato a causa del Coronavirus e alla quarantena a causa della positività del compagno e giovane blucerchiato Tessiore, in prestito proprio alla squadra marchigiana.

“La quarantena? Ho imparato che pur essendo degli atleti, allenati e giovani, non siamo esseri inattaccabili. Siamo a rischio come tutti gli altri. Ma non è stato facile spiegare ai miei tre figli perchè non potevano abbracciarmi e giocare con me. Hanno 2, 7 e 9 anni e non capivano perchè fossi chiuso da solo in una stanza”.

LEGGI ANCHE Cari calciatori, prendete esempio dagli USA

“Adesso sono rientrato a Genova e il mio medico di famiglia è il dottor Amedeo Baldari, responsabile sanitario della Samp. Seguiamo con scrupolo tutte le sue indicazioni. Esce un solo componente del nucleo familiare, quando è necessario. Guanti, mascherina, disinfettanti, distanziamento sociale. Stiamo combattendo un nemico infido. Già andare a far la spesa mi lascia una sensazione strana. Mi preoccupa poter diventare un potenziale veicolo del virus contro i miei cari”.

Puggioni VisPesaro coronavirus futuro
Puggioni consegue l’abilitazione a Direttore Sportivo.

“La laurea e l’abilitazione da direttore sportivo? Quello è il mio futuro. Ho studiato sodo per prepararmi. Magari alla fine della mia storia di calciatore proprio a Pesaro”.

“Gli allenamenti con Cristiano Ronaldo? Nel 2003 feci uno stage allo Sporting Lisbona. Arrivai proprio quando Ronaldo e Quaresma erano appena passati in prima squadra. Eravamo i più giovani, abbiamo fatto gruppo. Cristiano a fine allenamento voleva sempre che restassi in porta per le punizioni. Nacque un bel rapporto”.

Puggioni ha raccontato anche dell’importanza della Serie C nella crescita dei calciatori, dove una volta i giocatori più anziani insegnavano il mestiere. Adesso ci sono molti più giovani, lui alterna il ruolo da chioccia in spogliatoio ma ammette che in campo fa ancora il vent’enne.

“Come è cambiato in questi anni il ruolo del portiere?  Oggi deve essere un atleta, avere i piedi di un centrocampista e saper anche parare. Ho avuto allenatori De Zerbi e Giampaolo hanno preteso da me che imparassi ad impostare l’azione. Calcio di destro e di sinistro. Non è facile, ma questo è il nostro ruolo”.



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it