skip to Main Content

I limiti del soldato Morten…

di Gabriele Frassanito
Calciomercato Sampdoria Thorsby Atalanta Torino

Morten Thorsby è certamente una delle sorprese di questo campionato, con Ranieri ha trovato un posto fisso, ma contro la Lazio sono emersi i limiti tecnici del giovane norvegese…

Partiamo dai voti, dalle pagelle degli altri. La Gazzetta dello Sport gli dà 5 (“Resta come ipnotizzato di fronte al palleggio dei centrocampisti laziali”), peggio per il Corriere dello Sport che gli assegna un bel 4 (“S’è dimenticato di Bastos sul gol del 4-0, gli ha lasciato un’autostrada per colpire. E ha corso a vuoto”). Severo anche Tuttosport: 4,5 (“Si nota solo per la chioma bionda…”). Giudizio negativo anche per Repubblica (5) e Corriere della Sera (5). Voto 5 anche per l’amico Secolo che non cambia il giudizio di giornata: “Il soldato stavolta esce sconfitto dalla sua personale battaglia contro i dirimpettai biancocelesti. Risulta sempre il doriano che recupera più palloni (8) ma stavolta la sua corsa (11.7 km, uno in più di Milinkovic Savic) non fa la differenza”.

LEGGI ANCHE Le pagelle: Colley e Chabot malissimo, Gabbia e Caprari assenti!

Voti negativi per lui, per tutti che mostrano i limiti oggettivi di molti elementi della rosa blucerchiata (la difesa in primis…). Ma uno di questi è anche Morten Thorsby.

thorsby

Thorsby è un ‘soldato’ tuttofare, che obbedisce e corre, corre tanto: quasi 13 chilometri contro il Milan a San Siro, quasi 12 contro il Brescia e contro la Lazio, corre più di tutti lì in mezzo al campo ma è evidente che questo non sempre basti a portare a casa la sufficienza e la pagnotta.

E’ evidente che contro una squadra di qualità come la Lazio c’è bisogno di giocatori con altre qualità, altri piedi: Bertolacci, per dirne uno, Ramirez per dirne un altro. E invece la panchina è corta, l’infermeria non si svuota mai, e Morten deve andare in campo.

I numeri dicono che la prestazione del norvegese è stata simile a quella contro il Brescia: in entrambe le partite il 75% di passaggi riusciti,  un numero simile di palle recuperate ( 8 con la squadra di Corini, 6 con la Lazio) e dribbiling. Nel gioco aereo si conferma il migliore, insieme a Colley ma al di là dei numeri si è vista una gara dove Thorsby girovagava in mezzo al campo senza capirci granchè…

E’ evidente che il ragazzo non è pronto per reggere il peso di certe partite. Tanta quantità, ma la qualità latita e contro certe squadre non basta correre…



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.











Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it