skip to Main Content

Guerra Russia-Ucraina, Supryaha poteva andare a combattere

di Francesco Tonelli
Calciomercato Supriaha Giampaolo Attacco Sampdoria Ferrero Dinamo Kiev

Supryaha avrebbe dovuto combattere per l’Ucraina, ma la Sampdoria lo ha salvato dalla chiamata alle armi. La rivelazione di mister Giampaolo.

Mentre la guerra tra Russia e Ucraina continua senza esclusione di colpi, in una Genova lontana (ma vicina) al conflitto c’è Vladislav Supryaha, che in patria ha lasciato ricordi e famiglia. E che ora gioca per la Sampdoria, ma che avrebbe potuto, per un questione di tempismo a tratti incredibile, imbracciare un fucile e andare a combattere contro i russi.

Lo rivela Marco Giampaolo nella conferenza stampa precedente ad Atalanta-Sampdoria, parlando proprio del conflitto in Ucraina e della situazione delicata che riguarda il suo attaccante classe 2000. Arrivato a Genova proprio nei primi giorni di febbraio, Supryaha ha sfiorato, per una questione davvero di giorni, di ritrovarsi nella capitale ucraina (giocava per la Dinamo Kiev) allo scoppio del conflitto. E quindi di venire arruolato per difendere, come milizia cittadina, la sua patria.

Supryaha e la guerra in Ucraina: la Sampdoria gli ha permesso di non imbracciare un fucile

Guerra Russia-Ucraina, Supryaha poteva andare a combattere

LEGGI ANCHE: Atalanta-Sampdoria, Giampaolo non vuole paura. Le parole

Mister Giampaolo ha fatto sapere che la Sampdoria è stata molto vicina al ragazzo in questi giorni. Supryaha ha pubblicato sui social foto e post pro Ucraina e anche un appello al Premier Mario Draghi e al governo italiano. Ma nel frattempo continua ad allenarsi, rassicurando di stare bene:

Innanzitutto l’attenzione del mondo va alla situazione in Ucraina, è una miseria assoluta nel 2022. Poi sì con noi c’è Supryaha che penso abbia evitato anche la chiamata all armi perché se fosse rimasto lì avrebbe dovuto imbracciare un fucile come stanno facendo tutti lì dai 18 ai 60 anni. Con Supryaha abbiamo parlato anche grazie ad un interprete, chiedendogli come stesse lui e la sua famiglia, quale fosse il suo stato d’animo. Chiaramente è preoccupato per la sua famiglia ma ci ha rincuorato e ha rincuorato anche se stesso

Supryaha ha solo 21 anni, ma rientrerebbe precisamente in quel range di persone arruolabili per combattere e difendere l’Ucraina. Per un soffio ha sfiorato di dover imbracciare un fucile, mentre grazie al suo arrivo a Genova potrà continuare ad inseguire un pallone di calcio. Il suo pensiero naturalmente va alla sua famiglia, alla sua terra e alla sua gente. Ma intanto la Sampdoria, praticamente, gli ha evitato di dover andare in guerra. 



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.


© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back To Top



Resta aggiornato! Ogni settimana gli articoli e le notizie più importanti relative al mondo blucerchiato.

iscriviti per ricevere il 10% di sconto sul sito di amaladoria.it

error: Content is protected !!