skip to Main Content

Sampdoria in crisi? Ci vuole equilibrio di giudizio

di Luca Uccello
Crisi Sampdoria

Sampdoria in crisi? Di risultati non di prestazioni. Ci vuole equilibrio di giudizio anche nei momenti no, in quelli che sembrano impossibili da superare…

Ci vuole equilibrio. Bisogna provarci. Bisogna farlo ancora, anche se non è facile, anche se nel calcio tutto ruota intorno al pallone e ai suoi risultati. Con lo Spezia è andata bene, con l’Atalanta no. I motivi? Sempre gli stessi per gli allenatori da tastiera: poco equilibrio in campo, poca fase difensiva, poco tutto, molto meno di Ranieri. Paragone inevitabile. Si faceva anche con Giampaolo e Di Francesco. Poi tra Di Francesco e Ranieri. Ora tra Sir Claudio e Roberto D’Aversa.

Io la vedo diversamente. Io credo che Audero non possa farsi far goal sempre da solo. Credo che se un difensore è davanti all’attaccante non possa prendere la palla. Poi credo che farsi saltare come un birillo sulla linea di fondo non sia una bella immagine per il capitano del Giappone. Credo anche che a sinistra bisognerebbe inventarsi qualcosa, basta Murru, abbiamo già dato con Regini. Senza dimenticare l’azione da manuale del calcio, quella che poteva portare al goal del 2-2. Errori che costano punti. E non sono i primi. Bisogna cambiare, avere il coraggio di farlo prima che qualcuno decida che il colpevole anche questa volta sia lui, l’uomo che siede in panchina.

In Casa Sampdoria bisogna ritrovare la serenità

Sampdoria in crisi? Ci vuole equilibrio di giudizio

LEGGI ANCHE Scandalo plusvalenze, l’indagine della Covisoc: coinvolta anche la Sampdoria

Ci sono errori. Chi è che non lo commette? Ma ci sono le attenuanti, non scuse. C’è un calendario orribile, impossibile, ci sono tanti errori individuali a cominciare dalla gara con il Milan. C’è un mercato condizionato dal Covid e da qualche incapacità dirigenziale (chi ha comprato a quelle cifre La Gumina e Torregrossa per esempio?), ci sono giocatori non all’altezza che continuano, per grazie ricevuta, a godersi il mare e la nostra ospitalità. Basta? Dovrebbe anche avanzare per non buttare la Casa Sampdoria addosso al suo allenatore…

D’Aversa salvo? Non voglio dire che non ha colpe ma non è il solo. Bisogna aver equilibrio, anche nei giudizi. Positivi o negativi. Tutto non può essere bello ma nemmeno brutto all’improvviso. D’Aversa non ha l’esperienza di Ranieri. Ha anche altro per fortuna. Il coraggio delle scelte, per esempio di decidere che Quagliarella ha fatto il suo tempo, che per vincere devi giocare a pallone non nascondersi. Certo però, ci vuole equilibrio anche in questo…

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top