skip to Main Content

Sampdoria, cari Ultras ripensateci: così ci facciamo del male da soli

di Luca Uccello
Sampdoria Ultras

Cari Ultras ripensateci è l’editoriale del direttore Luca Uccello in vista di Sampdoria-Inter. Una sfida che vedrà ancora una volta il nostro stadio in mano ad altri…

Premessa. Non giudico nessuno. Tifosi compresi, anche quelli che decidono di non venire allo stadio. Quelli che hanno deciso di restare a casa, fuori dalla Gradinata Sud anche se il tuo primo e unico amore è dentro da sola che lotta e soffre con un nemico che cambia ogni domenica. Ma so anche cosa significa mentalità Ultras, so che ci sono dei principi e tali rimangono anche nelle difficoltà…

Non voglio giudicare, lo ripeto, perché ho fatto parte anch’io della Gradinata Sud. So cosa significa fare dei sacrifici per seguire la Sampdoria. Per novanta minuti ho girato l’Italia e anche l’Europa. Ho avuto questa fortuna che racconterò piano, piano a Vittorio.

Mio figlio ha cinque anni e domenica verrà allo stadio con il suo papà. Questa volta non lo porterò nella Sud. C’è già stato, quando aveva tre anni. Era felice con la sua sciarpa. Cantava, batteva le mani. È due anni che mi chiede continuamente di portarlo. Vuole rivivere quell’emozione con me. Ora cosa gli racconterò?

Ora non vorrei fargli vedere uno stadio senza i nostri colori, senza calore e quella passione che mi ha fatto crescere dalla parte giusta. Non vorrei fargli vedere nemmeno quella parte dello stadio colorato di nero e blu. Quello che canta, che sventola bandiere e batte forte sui tamburi facendo rumore, come se fossero a casa loro. Non mi piace. Preferirei non farglielo vedere questo spettacolo. Meglio di no.

Sampdoria, cari Ultras ripensateci: così ci facciamo del male da soli

LEGGI ANCHE Sampdoria, Marassi senza tifosi contro l’Inter? Il dato

Quando sei piccolo, a 3 anni ti innamori di un colore, di una maglia, di qualcosa che ti colpisce e può rimanerti dentro. Ho pochi ricordi, come tutti, della mia infanzia. Ma quella maglia, quella grida allo stadio non le ho mai dimenticate. Non ‘ho fatto perché andavo allo stadio, perché era normale andarci, perché era un dovere farlo. E ora? Tutti questi bambini senza stadio ormai da troppo tempo? Ci avete pensato? Ci sarà una generazione futura?

Non vi giudico cari Ultras ma provate a capirmi. Così si fa male alla Sampdoria. E quando parlo di Sampdoria parlo della maglia, di quello per cui viviamo e non di altro. Hanno sempre avuto bisogno di noi. Proprio come un figlio ha bisogno di suo papà e della sua mamma. La Sampdoria ha bisogno di noi. O tutti o nessuno. Già. Ma gli altri ci sono. Quelli dell’Alessandri, quelli del Milan e ora quelli dell’Inter…

È un legame forte, non un semplice filo che ci lega. C’è di più, c’è sempre stato. Non andare allo stadio è legittimo ma lo è altrettanto dire e pensare che questo possa essere un errore. Un errore che anche qualche generazione futura potrebbe pagare. Perché l’amore per una squadra si costruisce quando sei piccolo. L’amore cresce vivendo quello che ami. La passione non nasce all’improvviso. Va vissuta partita dopo partita.

Chi ti ha portato allo stadio la prima volta? Chi ti ha fatto amare questa maglia? Io non sono capace ad amare da lontano. Sarà un mio limite. Ma sentire battere forte il cuore della Sud è qualcosa che mi manca, qualcosa che vorrei sentire soprattutto a casa MIA.

Sarebbe bello vedervi all’improvviso comparire tutti insieme, uniti come una volta a comandare a casa nostra. Aspettandovi fiducioso, intanto racconterò a Vittorio che la Sampdoria si ama, a prescindere.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 2 commenti

  1. Buongiorno,
    ho letto con interesse il suo articolo,
    Gli ultras han scelto una linea dura ma coerente con il loro spirito che è cominciata anni prima con il discorso striscioni in gradinata (in casa mia non devo chiedere autorizzazioni per mettere i miei striscioni)
    Sul discorso di entrare o non entrare vale lo stesso discorso o si entra tutti o non entra nessuno nella logica che non si deve lasciare indietro nessuno sia nel bene che nel male. Perché io si e lui no o viceversa?
    Semmai chiediamoci cosa servono certe restrizioni visto che poi dentro allo stadio quasi nessuno tiene le distanze e la mascherina (incapacità di chi di dovere far rispettare norme e disposizioni).
    Finchè il calcio è aggregazione e il covid si prolifica con aggregazione e assembramenti la vedo dura far coesistere le due cose.
    Ultima cosa i biglietti solo on line sono un deterrente per chi ha intenzione di entrare ultras o non ultras.

  2. ci siamo confrontati in passato esponendo le reciproche opinioni , alle volte coincidevano alle volte no in tutto il rispetto di ottiche personali orientate comunque per on’obbiettivo sicuramente comune. Tutto questo per arrivare ad affermare la piena condivisione del tuo articolo e spero che tanti concordino. ……….by Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top