skip to Main Content

Sampdoria, D’Aversa in clima derby: è sua la prima frecciata

di Luca Uccello
Sampdoria D'aversa Derby

Sampdoria, Roberto D’Aversa è già in clima derby nonostante al 12 dicembre manchi ancora un po’. Intanto è sua la prima frecciata…

Roberto D’Aversa è arrivato a Genova conoscendo la città, l’ambiente e il derby della Lanterna. Sa cosa vuol dire arrivare davanti alla fine di una stagione all’altra squadra della nostra amata città. Conosce tutto, pregi e difetti. Conosce cosa vuol supremazia cittadina. Un concetto che dalle nostre parti è principe, fondamentale come per la Juventus vincere lo scudetto.

Un concetto semplice fatto di vittorie sul campo. Ne bastano due. Con Giampaolo era semplice, con Ranieri meno. Ora tocca a lui. E a Sassuolo, tra le parole, ha cominciato a preparare quella partita, la partita.

Stoccata, frecciata, semplice pressione. Le partite si vincono anche così, preparandole per tempo, studiando gli avversari e i loro punti deboli.

Oggi è la classifica. Due giornate sono poche ma c’è già la prima pausa, i primi bilanci. L’Inter di Inzaghi c’è, il Milan anche, la Juve no. Ma a noi interessa la Sampdoria, e quella di D’Aversa è una squadra che ha coraggio anche nelle difficoltà. Il mercato non aiuta, Preziosi l’americano spende e spande. Noi viviamo di rendita, di investimenti precedenti in attesa di qualche bombetta.

La Sampdoria di D’Aversa è già avanti sul Genoa di Ballardini

sampdoria d'aversa ferrero

D’Aversa in clima derby: è sua la prima frecciata

LEGGI ANCHE VIDEO – Calciomercato Sampdoria: sorrisi e sguardi d’intesa tra Ferrero e Scamacca

Merito di chi siede in panca, non c’è dubbio, di chi è arrivato a Genova tra dubbi e mugugni, con l’etichetta di allenatore retrocesso.

Oggi però al tifoso questa squadra tutta coraggio e gioco ci mancherebbe, piace e se la sta godendo con i noti difetti di fabbrica.

Col Milan il Var non è intervenuto, con Chiriches su Thorsby nemmeno. Errori pesanti che cambiano i risultati e la classifica della Sampdoria. Ma un un punto c’è, contro il grande Sassuolo. Il Genoa no, è fermo a zero. E allora forse ha ragione Roberto D’Aversa:

È stato importante muovere la classifica. Chiudere a zero punti durante la sosta sarebbe stato un po’ deprimente…

È il derby. Quello non si smette mai di giocarlo…

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top