skip to Main Content

Calciomercato Sampdoria, rivoluzione in difesa: più spazio per Chabot?

Calciomercato Sampdoria Chabot Bundesliga

Il prossimo calciomercato potrebbe rivoluzionare la difesa della Sampdoria: con Ferrari e Colley possibili partenti, Chabot potrebbe avere più occasioni

Le voci di mercato in entrata e in uscita continuano in casa Sampdoria. I blucerchiati, alle prese anche con la questione allenatore, potrebbero rivoluzionare la propria difesa in questa sessione estiva. Ci sono infatti due giocatori papabili a lasciare Genova, mentre un’antica conoscenza potrebbe trovare più spazio.

Alex Ferrari e Omar Colley potrebbero dire addio alla Sampdoria. Il primo sembra essere l’indiziato per entrare nella trattativa con l’Empoli per liberare l’allenatore Alessio Dionisi. Il difensore classe 1994 potrebbe andare in prestito in Toscana come indennizzo per il tecnico tanto stimato da Ferrero.

Colley, invece, piace molto al Leeds e, con una valutazione di circa 15 milioni, potrebbe essere una plusvalenza importante. Così si libererebbero due posti in difesa: per uno potrebbe candidarsi Julian Chabot.

Calciomercato Sampdoria, l’occasione di Julian Chabot

 

LEGGI ANCHE Concordati Ferrero: il Tribunale decide anche su Farvem

Dopo un anno difficile allo Spezia, il difensore classe 1998 farà ritorno alla Sampdoria. Dopo 25 presenze e un goal sotto la guida di Vincenzo Italiano, il tedesco sarà di nuovo a Genova dove, insieme ad altri giovani, potrebbe essere valorizzato dal nuovo tecnico. L’obiettivo di Massimo Ferrero per questo nuovo corso è, infatti, quello di puntare su calciatori da far crescere.

Al primo anno alla Sampdoria aveva giocato appena otto gare con un solo goal all’attivo. Con un’eventuale diminuzione della concorrenza, potrebbe crescere e dimostrare di valere i 3,7 milioni spesi dai blucerchiati nel 2019.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top