skip to Main Content

Sampdoria, Claudio Ranieri regala una domenica in famiglia

di Valerio Sabatini

Domenica di riposo per la Sampdoria, reduce dalla caduta con la Lazio, Claudio Ranieri regala ai suoi una giornata in famiglia

Domenica di riposo per la Sampdoria, reduce dalla sconfitta contro la Lazio. Sconfitta che però ancora brucia, non per il risultato, quanto per la prestazione degli uomini blucerchiati. E poi non possono non essere citati gli errori dell’arbitro Massa, che hanno pesato, e anche tanto, sulla gara dell’Olimpico.

Sir Claudio e i suoi devono mettersi alle spalle il prima possibile l’uno a zero con i biancocelesti. Anche perché nel prossimo turno di campionato al Ferraris arriverà l’Atalanta di Gasperini, dopo la partita di Champions League contro il Real Madrid.

LEGGI ANCHE Pettinare Trentalange non serve. Massa disastroso. Ora Ferrero alzi la voce

Lazio-Sampdoria-Adrien-SilvaSampdoria, Claudio Ranieri regala una domenica in famiglia

E questo potrebbe essere un bene per la Sampdoria, che cercherà di sfruttare la stanchezza dei nerazzurri. Prima di pensare agli avversari c’è però da migliorare la manovra offensiva. Zero tiri in porta all’Olimpico, un dato eclatante che però va in netto contrasto con quanto detto e visto sull’ultima prova offerta dai blucerchiati.

Merito anche  della difesa di Simone Inzaghi, vero è proprio ‘Tallone d’Achille’ dei biancocelesti fin qui. Bisognerà replicare la partita d’andata contro l’Atalanta, quando i blucerchiati andarono a Bergamo e portarono a casa una clamorosa vittoria, soprattutto per la caratura dell’avversario affrontato.

Una domenica di riposo, per ricaricare le pile e soprattutto schiarirsi le idee. Perdere contro una squadra più forte ci sta, ma vanificare quanto di buono fatto finora potrebbe essere un autogoal clamoroso. Anche perché diversi giocatori, da Keita a Augello, hanno voluto alzare l’asticella. Non si guarda più soltanto alla corsa salvezza.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top