skip to Main Content

Sampdoria, la nuova proprietà dello Spezia porta anche lo stadio?

di Valerio Sabatini
Spezia Serie A Sampdoria Amichevole

Sampdoria: lo Spezia ha una nuova proprietà e potrebbe arrivare anche un nuovo stadio, ecco cosa ha detto il sindaco della città

Lo Spezia ha passato di mano. Lo abbiamo riportato la famiglia Volpi ha ceduto la società a Robert Platek, facoltoso americano che ha deciso di investire nel calcio italiano. Ovviamente quando s’insedia una nuova proprietà, soprattutto se straniera, uno degli argomenti più ‘chiacchierati’ è quello legato allo stadio di proprietà.

Sull’argomento si è espresso anche Pierluigi Peracchini, Sindaco di La Spezia. Il Primo Cittadino ha parlato ai microfoni di Radio Bruno, ecco cosa ha detto:

LEGGI ANCHE Concordati Ferrero: nuove memorie e documenti depositati in Tribunale

cessione spezia robert platek gabriele volpiSampdoria, la nuova proprietà dello Spezia porta anche lo stadio?

Un nuovo impianto sportivo? Questo è un tema davvero delicato e non solo nella città o nella nostra regione, ma ovunque. In questo l’Italia è davvero molto indietro rispetto agli altri paesi. Se ho avuto dei contatti con la nuova dirigenza? Certo abbiamo parlato, ma in questo momento non è facile.

La famiglia Platek si è insediata da poco tempo e poi loro sono sparsi per il mondo. Poi c’è un altro fattore che va sempre considerato, con gli americani servono i fatti, con la chiacchiere non si va da nessuna parte con loro.

Argomento delicato, lo sta vivendo sulla sua pelle anche la Fiorentina e il presidente Commisso e per ora non si è arrivati ad un nulla di fatto, dopo tante chiacchiere. Con il Gabriele Volpi presidente dello Spezia si era anche parlato della possibilità dell’acquisto dello stadio Picco. Con il Comune pronto a mettere in vendita l’impianto sportivo per 5-6 milioni di euro.

Potrebbe essere intrapresa la stessa strada anche con la famiglia Platek.

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top