skip to Main Content

Tifosy, lo studio: acquisti giocatori crollati nei top 5

di Gabriele Frassanito

Tifosy, lo studio: acquisti giocatori crollati nei top 5. La società di Luca Vialli e Fausto Zanetton “certifica” la crisi dei club europei

Probabilmente gli addetti ai lavori e  gli appassionati di calcio attenti alle questioni economico-finanziarie non saranno stupiti. Ma adesso ci sono i numeri e sono davvero impressionanti. Il coronavirus ha cambiato il modo di gestire il mercato di gennaio.

La società di consulenza di Luca Vialli e Fausto Zanetton ha rapportato i trasferimenti di gennaio 2021 con la media dei 5 anni precedenti, nei 5 campionati europei più importanti (Premier, Serie A, Liga, Ligue1 e Bundesliga).

Come si legge chiaramente nella grafica riassuntiva dello studio eseguito da Tifosy, gli acquisti sono crollati del 54% in Inghilterra e del 45% in Italia e Spagna.  Francia e Germania tengono botta, con un crollo del 26%. Di confeverso crollano anche le cessioni a titolo definitivo (tra il 29% dell’Inghilterra e il 38% della Liga).

LEGGI ANCHE Sampdoria, il punto sui prestiti e le cifre dei possibili riscatti

tifosy vialli zanetton acquisti

Il rovescio della medaglia è nell’aumento dei prestiti e dei trasferimenti a titolo gratuito.

In serie A si registra un lieve aumento dei trasferimenti a titolo temporaneo (prestiti) ma un netto aumento dei trasferimenti gratuiti (37%). Liga invece è in controtendenza: – 39% degli acquisti a titolo gratuito.

Impressionante la Premier League, che fa registra + 175% di acquisti gratuiti. In Bundesliga invece si puntato di più sui prestiti (+69 %).

Insomma una crisi di liquidita e non solo che ha investito tutti i settori produttivi, calcio incluso. Sarà difficile far quadrare i bilanci senza plusvalenze, vista la contrazione impressionante delle transazioni a titolo definitivo. Cambierà qualcosa in estate?

© Riproduzione riservata

Le foto pubblicate su www.clubdoria46.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top